Preventivo APE

Preventivo certificazione energetica edifici. Per richiedere un preventivo cliccate sulla regione o provincia in cui è ubicato il vostro immobile e verrete ridirezionati in una pagina dove vi sarà chiesto di compilare un modulo con le informazioni necessarie per ricevere fino a 5 preventivi APE gratuiti. Il DL 63/2013 ha indicato nuove regole per la certificazione energetica applicabili a tutte le regioni che non avevano ancora legiferato in materia di certificazione energetica. Il Decreto Legge 63/2013 ha stabilito il passaggio da ACE (Attestato di Certificazione Energetica) ad APE (Attestato di Prestazione Energetica). Il passaggio è stato immediato nelle regioni che non avevano legiferato in materia di certificazione energetica, mentre le regioni con una propria normativa hanno recepito le nuove regole in tempi diversi (Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna. Liguria e Valle d’Aosta). Da ottobre 2015 le regole per la redazione dell’Attestato di Prestazione Energetia (APE) sono state ulteriormente modificate. Nel nuovo certificato energetico vengono infatti indicati anche i consumi per la climatizzazione estiva (non solo più quella invernale), con il numero di classi energetiche passate a 10. Per maggiori informazioni potete leggere il seguente articolo: In nuovo APE.

Il servizio preventivi è effettuato in collaborazione con Fazland. Una volta inviato il modulo riceverete fino a 5 preventivi gratuiti.

Leggere i TERMINI E LE CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO PREVENTIVI

Seleziona la tua regione o direttamente la provincia:

L’Attestato di Prestazione Energetica (APE) è obbligatorio dal 1º luglio 2009 per la compravendita, dal 1º luglio 2010 (anche nel caso di tacito rinnovo) per le locazioni, nel caso di trasferimento a titolo gratuito (donazione) e dal 1º gennaio 2012 per tutti gli annunci commerciali sia fatti da privati che da agenzie. Ogni annuncio commerciale deve infatti contenere almeno l’Indice di Prestazione Energetica (IPE). In Lombardia è obbligatorio indicare anche la classe energetica dell’immobile.

La validità dell’Attestato di Prestazione Energetica è di 10 anni a partire dalla data di registrazione al catasto. Dovrà essere aggiornato nel caso di interventi che vadano a modificarne le prestazioni energetiche dell’unità immobiliare (ad esempio sostituzione della caldaia) o ad un cambio di destinazione d’uso. Ricordo inoltre che, nel caso di omessa manutenzione ordinaria della caldaia, gli attestati scadranno al 31/12 dello stesso anno di richiesta dell’Attestato.

Torna all’area preventivi TORNA ALL’AREA PREVENTIVI

Se ritenete il contenuto di questa pagina utile cliccate sul pulsante "+1" e condividetelo come "Public".